CONTATTACI ORA

IL BREVETTO ITALIANO

La domanda di brevetto italiano deve essere depositata all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi o, in alternativa, presso le Camere di Commercio locali, che provvederanno ad inoltrare la stessa all’Ufficio Centrale a Roma.

I diritti di esclusiva sul brevetto italiano durano 20 anni a decorrere dalla data della domanda, ma a partire dal 5° anno, devono essere versate annualmente le tasse di mantenimento in vita. L’importo delle tasse annuali varia di anno in anno.

Procedura

Dal 2 Luglio 2008 è prevista la ricerca di novità sulle domande di brevetto depositate in Italia con conseguente esame sostanziale da parte dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Le Autorità di Ricerca (Ufficio Europeo Brevetto) redigono un apposito rapporto di ricerca ed il richiedente può nei 9 mesi successivi presentare una replica o modificare le rivendicazioni in modo da renderle accettabili alla luce del suddetto rapporto.

Di norma la documentazione per il deposito del brevetto italiano è costituita:

  • dal titolo per indicare brevemente, ma con precisione, l’invenzione;
  • dall’esposizione dello stato della tecnica, delle problematiche riscontrate e delle soluzioni proposte;
  • dalla descrizione tecnica dell’invenzione e relative caratteristiche costruttive;
  • dalle tavole di disegno dell’oggetto da brevettare descritto;
  • dalle rivendicazioni che delimitano l’ambito di protezione dei punti essenziali e nuovi dell’invenzione.

Normalmente una domanda di brevetto italiano resta segreta per 18 mesi, ma, chiedendo l’anticipata accessibilità al pubblico, essa diventa pubblica dopo 90 giorni.

In Italia si è protetti fin dal momento del deposito della domanda di brevetto italiano, ma occorre aspettare di solito 3 – 4 anni per la concessione definitiva da parte del Ministero competente.

ULTIMI ARTICOLI

BREVETTI & INVENZIONI

Patent Box – Pubblicato il Decreto 30 Luglio 2015

08 Settembre 2015|0 Commenti

Il Decreto Ministeriale del 30 Luglio 2015 e l’allegata relazione illustrativa chiariscono gli aspetti  chiave del funzionamento dell’agevolazione fiscale che ha l’obiettivo di incentivare il mantenimento dei beni immateriali in Italia evitando la ricollocazione all’estero, [...]

FISSA UN APPUNTAMENTO SENZA IMPEGNO

- Siamo ad ANCONA -

CONTATTACI ORA

HANNO SCELTO INPAT&LAW