Ti trovi in:Home>Marchi>Ma sulla pasta mettereste il Parmetta o il Parmigiano? L’Italian sounding soccombe rispetto all’originale.

Ma sulla pasta mettereste il Parmetta o il Parmigiano? L’Italian sounding soccombe rispetto all’originale.

La contraffazione alimentare registra fatturati di dimensioni spaventose. 60 Miliardi è il fatturato estero dei prodotti falsi made in italy. A fronte di questi numeri le aziende italiane combattono con le armi a loro disposizione e registrano vittorie.

Il c.d. italian sounding altro non è se non l’utilizzo di denominazioni geografiche, immagini e marchi che evocano l’Italia per convincere il consumatore che il suddetto prodotto è Made in Italy anche se con L’Italia hanno Ben poco da spartire.
Il tema della contraffazione alimentare si sta facendo sempre più scottante. Ciò è dimostrato dai dati pubblicati sul sito dell’Ufficio italiano brevetti e marchi che attestano che negli ultimi dieci anni il numero di casi di contraffazione nel mondo è aumentato del 950%.
Una particolare attenzione, dovuta all’importanza del settore per il nostro Paese, va prestata per tutti i prodotti italian sounding che registrano un fatturato di oltre 60 miliardi di Euro. Per dare un parametro il dato è pari ad oltre il doppio del valore delle esportazioni italiane di prodotti agroalimentari

parmetta

Il formaggio “Parmetta”

Un caso è quello del Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano che si è trovato a dover difendere la propria denominazione, mediante procedimento cautelare, finalizzato a chiedere l’inibitoria della commercializzazione di un prodotto denominato PARMETTA per mano di una società tedesca, la Fuchs Gewurze Gmbh.
A fronte delle richieste del Consorzio il Tribunale di Colonia ha ritenuto che l’utilizzo del termine PARMETTA, di chiara provenienza italiana, per formaggi, fosse una evidente azione di “agganciamento parassitario” contraria al regolamento Comunitario sulla tutela delle Denominazioni d’Origine.
L’azione del consorzio ha quindi reso possibile l’eliminazione di un concorrente che avrebbe sottratto clienti proponendo un prodotto apparentemente simile ma di qualità certamente meno raffinata ad un prezzo concorrenziale, possibile grazie alla realizzazione di un comportamento concorrenziale usurpativo.

2017-01-30T15:11:34+00:00 05 febbraio 2014|